Miele di Millefiori

Prodotto nelle colline di Curinga e Filadelfia e nella piana di Acconia di Curinga

Il miele di millefiori è certamente quello più comune in Italia e tra i più prodotti in tutto il Paese. Infatti, non esiste un’unica categoria di miele millefiori, ma tante quante sono le possibili combinazioni di piante.

Il miele di millefiori può assumere generalmente due colorazioni che ne identificano due varietà: una chiara e trasparente che si associa a un sapore delicato e dolce, l’altra scura o ambrata, dal sapore più deciso. Entrambe le tipologie possono cristallizzare nel tempo, soprattutto a bassa temperatura, prendendo tonalità più opache.

Viste le sue proprietà energizzanti, il miele di millefiori è consigliato in particolare per i bambini, i giovani in crescita, gli sportivi, i malati, le donne incinte, gli anziani e chiunque svolga lavori stressanti e faticosi. Inoltre, è ideale per combattere influenza e tosse e per l’apparato digerente ha una funzione stimolante e regolatrice.

Il miele di millefiori possiede un’azione disintossicante del fegato.

In cucina, può essere utilizzato in diversi modi: come dolcificante nel caffè, thé o latte, sulle fette biscottate, ma anche nello yogurt naturale. Si abbina bene con varie tipologie di formaggi e diventa davvero sfizioso se utilizzato per condire le insalate.

CARATTERISTICHE:

Colore: variabile, più o meno scuro a secondo delle zone di produzione
Tendenza a cristallizzare: media
Odore: variabile, a secondo dei fiori maggiormente presenti nel territorio di produzione
Aroma: variabile, a secondo dei fiori maggiormente presenti nel territorio di produzione
Sapore: generalmente dolce

SEGUICI SU FACEBOOK: